Emergenza coronavirus, Bozza dl: misure contenimento prorogabili fino a 31 luglio

Sono prorogabili fino al 31 luglio le misure per il contenimento del Covid-19 decise dal governo. Le varie strette stabilite, dal divieto di lasciare la propria abitazioni perché in quarantena alla chiusura di ville e giardini, ecc., “possono essere adottate per periodi predeterminati, ciascuno di durata non superiore a trenta giorni, reiterabili e modificabili anche più volte fino al 31 luglio 2020 e con possibilità di modularne l’applicazione in aumento ovvero in diminuzione secondo l’andamento epidemiologico del predetto virus”. E’ quanto si legge nella bozza del dl, visionato dall’Adnkronos, che verrà esaminata oggi alle 14 dal Cdm.

Un passaggio prevede che le Regioni, in relazione a specifiche situazioni di aggravamento ovvero di attenuazione del rischio sanitario verificatesi nel loro territorio o in una parte di esso, possono introdurre ovvero sospendere, limitatamente a detti ambiti territoriali, l’applicazione di una o più delle misure” di contenimento. “Qualora tali misure – si legge nella bozza – si applichino su tutto il territorio regionale, ovvero su oltre la metà di esso o a oltre la metà della popolazione residente nella regione, la loro efficacia è limitata a sette giorni e, entro ventiquattro ore dalla loro adozione, è formulata proposta al Presidente del Consiglio dei ministri, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, per la loro conferma con il decreto ivi previsto”. Le misure “non possono essere in alcun caso reiterate” altrimenti “sono inefficaci”.

Anche il sindaco “può introdurre ovvero sospendere nel territorio comunale, con propria ordinanza, l’applicazione di una o più delle misure” con ordinanza “efficace per sette giorni” che “entro ventiquattro ore dalla sua adozione è comunicata alla Regione che, negli stessi sette giorni, può confermarne l’efficacia per trenta giorni, rinnovabili”. Tali misure “possono essere in alcun caso reiterate e, ove non confermate dalla Regione secondo quanto ivi previsto, perdono comunque efficacia allo spirare del settimo giorno”.

Leggi anche  Grosseto, pirata della strada investe ciclista

Previste anche multe più salate per i ‘furbetti’ che aggirano le regole per il contenimento. Come anticipato ieri dall’Adnkronos, sono previste multe più salate, da 500 a 4mila euro per chi non rispetta le misure, multe che fanno a sostituire l’ammenda di 206 euro prevista finora per i trasgressori. La confisca del veicolo, “da uno e tre mesi”, è stata al momento depennata dal testo, “ma non è escluso che venga riconsiderata dal Cdm di oggi”, spiega una fonte di governo all’Adnkronos.

“Sono positivo al Covid-19”. Lo ha annunciato Guido Bertolaso su facebook. “Quando ho accettato questo incarico sapevo quali fossero i rischi a cui andavo incontro, ma non potevo non rispondere alla chiamata per il mio Paese -ha spiegato Bertolaso in un post-. Ho qualche linea di febbre, nessun altro sintomo al momento. Sia io che i miei collaboratori più stretti siamo in isolamento e rispetteremo il periodo di quarantena. Continuerò a seguire i lavori dell’ospedale Fiera e coordinerò i lavori nelle Marche. Vincerò anche questa battaglia”.

About Marina Pellitteri

Direttore responsabile

La tua opinione